I PC spenti possono consumare corrente…

8 02 2008

Stavo leggendo proprio ora in rete quanto costa “non spegnere” il computer completamente: nel senso di quanto costa lasciarePc consumi accesa la ciabatta elettrica a cui il pc è collegato. Il test, effettuato da AF Digitale, si è basato sull’analisi di 15 comuni PC, di ultima generazione, senza che ci siano periferiche collegate: in pratica la fase dormiente della scheda madre costa circa 1,4 euro all’anno per ogni watt acceso. Secondo le stime, ogni pc spento con ciabatta collegata e accesa consuma circa 3 watt, valore che si raddoppia nel caso di case moddati. Quindi si parla di valori compresi tra i 4,2 e i 8,4 euro all’anno.

Nella stragrande maggioranza dei casi – scrive il magazine – la motherboard finge solamente di essere spenta, ma mantiene attivi alcuni circuiti. Senza contare infine l’eventualità, non presa in considerazione in questa sede, della presenza di periferiche USB “poco intelligenti” sempre collegate al PC, che continuano imperterrite a esigere un approvvigionamento energetico nonostante il computer sia spento“.

Sembra poco? Non proprio! Considerando tutti i PC d’Italia spenti si arriva ad un consumo complessivo di 30-40 Megawatt,Led per un danno alla bolletta nazionale di quasi 60 milioni di euro, che vengono praticamente buttati nel cesso! E si che Beppe Grillo ne parla da parecchi anni, a proposito delle modalità standby inutili degli elettrodomestici, e dei campanelli all’ingresso delle nostre case: ognuna di queste cose consuma circa 3-4 watt… Fate un pò i vostri conti, e moltiplicate ulteriormente quei 60 milioni di euro!!!!

Almeno per il campo pc, oltre alla buona idea di spegnere la ciabatta, o staccare la spina, date un’occhiata anche qui sul forum di Hardware Upgrade, che in questo post svela alcuni piccoli segreti per costruirsi un PC a basso consumo per uso 24H/24 (Il vero “Mulo”).

Azioni

Information

One response

24 02 2008
lopippo

rimango comunque perplesso quando si addita lo stand-by come “spreco”
ha una sua funzione, che venga usata bene o male è un altro discorso;
quante persone sanno veramente quanto consuma precisamente OGNUNO dei propri elettrodomestici in tale modalità, moltiplicando poi per l’effettivo costo della corrente elettrica di quel trimestre? (a dire il vero io sto ancora cercando un wattometro, la cosa mi interessa)

inoltre guarderei al fatto che si spreca MOLTA più corrente facendo rimanere accesi gli elettrodomestici quando non è necessario, oppure utilizzando apparecchi inadatti alle reali esigenze;

alcuni esempi? gente che dorme con la tv accesa, o che mette il timer pensando di addormentarsi prima; gente che mentre gioca con il pc tiene accesa la tv e la radio (contemporaneamente!); le vecchie lampadine ad incandescenza; lampadari o punti luce sovradimensionati (ci sono abjour da 70 W), impianti audio 7+1 utilizzati solo per ascoltare i suoni di windows, e si potrebbe continuare

infine ci sono apparecchi che necessitano di alimentazione continua in quanto devono mantenere la data e sono sprovvisti di batteria, ad esempio alcune radiosveglie, videoregistratori o decoder; oppure i gruppi di continuità che ovviamente si attivano rumorosamente in mancanza di corrente (e dunque vanno a loro volta spenti prima di staccare la spina)
quindi non si può “staccare tutto” senza rifletterci bene prima

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: