Nvidia continua a pensare alle GPGPU, anche nei supercomputer

3 03 2008

Entro il 2012, tre dei cinque supercomputer più potenti al mondo integreranno processori grafici in Nvidiaparallelo per il calcolo di dati”. Così dichiara Dave Kirk, Chief Scientist di nVidia, durante un’intervista al Games Developer Conference. Molti di voi penserano: e chi se ne frega! Beh, forse qualcosa potrebbe interessare, dato che l’obiettivo di Nvidia (oltre a quello di entrare in un mercato diverso da quello consumer) è semplicemente quello di investire il più possibile del progetto GPGPU, ossia le General Purpose GPU. Più che di un progetto, si tratta solamente di una constatazione di fatto: le GPU montate sulle schede video sono molto più veloci e performanti delle “normali” CPU! Allora: perchè non sfruttarle per qualcosa diverso dall’elaborazione della grafica?

Spesso avrete sentito parlare di CPU limited: con questa espressione, si va ad indicare uno status del sistema per cui (nel caso delle schede video) le GPU non riescono ad esprimersi in quanto “limitate”Tesla1 dalla “scarsa” potenza di elaborazione dei processori. Se fate un giro sui forum, e vedete qualcuno che chiede consiglio per una scheda video, quasi sempre c’è qualcuno che sconsiglia modelli “troppo potenti” se appunto il pc poi si ritrova CPU limited: in pratica, si spendono tanti soldi per una scheda video che poi non è in grado di esprimersi al massimo. Ovviamente, per eliminare il problema, esistono due soluzioni: overcloccare la CPU (anche di tanto, con tutti i problemi annessi) oppure acquistarne una in grado di sostenere la capacità di calcolo della scheda video (ma spesso non c’è).

Ecco per quale motivo la potenza delle GPU può essere usata in altri ambiti, soprattutto nel settore scientifico. Lungo questa linea, peraltro, si muove il progetto CUDA, cioè la possibilità che sarà consentita a tutte le GPU montate dalle GeForce serie 8000 e successive di gestire anche i calcoli relativi alla fisica (per un maggiore approfondimento, vi rimando all’articolo: Nvidia e Ageia: saranno scintille!). Sempre in questo ambito è il progetto TESLA, dichiarato da Nvidia nel giugno dell’anno scorso, con il quale la società ha prodotto particolari schede GeForce 8 con 1,35 GB di Ram che, a differenza dei modelli in commercio, sembrano raggiungere le CUDAprestazioni combinate di 40 processori x86! Leggendo su Tom’s Hardware, si vede che “il consumo è di 170 watt per il modello singolo e di 800 watt per la variante server con 4 GPU. Sebbene vi possa sembrare elevato, questo valore non è nulla se pensiamo che 40 processori x86 consumano circa 1600 watt. Con un budget energetico di 25 kilowatt per rackserver, una configurazione GPU Tesla server raggiunge una prestazione massima teorica di oltre 60 Tflops – il che porterebbe questo prodotto a figurare nei 15 supercomputer più veloci al mondo“.

Che dire: probabilmente, in un prossimo futuro, vedremo componenti per PC sempre meno specializzati. Di questo avviso sono anche Intel (con Nehalem) ed AMD/ATI. Vedremo cosa succederà!!! Se siete interessati ad approfondire il discorso GPGPU, date un’occhiata a questo sito inglese: www.gpgpu.org.

 

Tesla 2  Tesla3

 


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: