Radeon HD 4850: il grande ritorno alla ribalta di ATI!

8 08 2008

Diciamocelo: dopo la tanto acclamata fusione tra ATI e AMD, avvenuta ormai quasi due anni fa, il mercato delle schede video è stato sempre dominato da Nvidia, che è sempre riuscita a sfornare schede competitive che stracciavano la concorrenza. D’altro canto, le schede e le cpu AMD/ATI hanno subito un taglio drastico dei prezzi, che in parte ha compensato la mancanza di forti prestazioni. Ma ora la situazione sembra destinata a cambiere drasticamente (e a quanto pare, tutto a vantaggio degli utenti 😀 ).

Proprio in questi giorni, infatti, è arrivata sul mercato la nuova Radeon HD 4850, che pur non essendo l’ammiraglia della nuova linea 4800, ha parecchi punti a suo favore che faranno passare parecchi appassionati dalla parte di AMD. Sicuramente il punto primario è il prezzo: è da dire subito che questo si aggira intorno ai 180 euro (ma riuscite anche a trovarle a 150 euro, vedi RomaCC). Vediamo innanzitutto le caratteristiche tecniche principali di questa nuova GPU:

  • Bus: 256 bit
  • Core: 625 MHz
  • Ram: GDDR3 (di solito a partire da 512 MB), a 2 GHz
  • Stream Processor: 800
  • Antialiasing: fino a 24x
  • Video Processing Engine: UVD (Universal Video Decoder), con supporto VC-1, H.254 e Mpeg 2 in hardware
  • Funzione PIP (Picture in Picture)
  • HDMI con supporto audio multicanale

A quanto pare, a fare la differenza è l’elevato numero di Stream Processor, merito è del processo produttivo a 55 nanometri, che ha permesso ad ATI un sensibile incremento rispetto ai 320 utilizzati nelle soluzioni RV670 delle schede Radeon HD 3800; questo implica che, in puri termini di stream processor, le nuove schede Radeon HD 4850 e Radeon HD 4870 integrano un numero maggiore di unità di elaborazione rispetto ad una scheda Radeon HD 3870 X2, avvantaggiata dall’essere dotata di due GPU che operano in parallelo. Se si vanno a vedere le prestazioni di questa scheda, vedete che sono a dir poco incredibili per questa fascia di prezzo: pensate che viene superata la 9800 GTS, ben più costosa, nonchè tutte le schede precedenti di ATI, almeno in configurazione singola (ovviamente, la GX2 di Nvidia e le X2 di ATI rimangono imbattute, pur costando enormemente di più). E’ possibile usare l’antialiasing fino a 24x, proprio grazie a tutta questa “potenza”. La memoria usata sulla 4850 è di tipo GDDR3, mentre la sorella maggiore 4870 monterà GDDR5 (spinte sino a 3,6 GHz).

Altra funzionalità molto utile è l’implementazione di 2 circuiti UVD, che si occupano della gestione dei contenuti video, sia standard che alta definzione. Nelle schede Radeon HD 4800, ATI ha adottato un sistema di gestione dei flussi video di tipo parallelo: ogni GPU può quindi processare due video contemporaneamente, inviandone quindi l’output ad un singolo display per funzionalità di tipo picture in picture. La multimedialità di queste schede continua con la porta HDMI, che riesce a gestire anche stream audio multicanale fino a 7.1, compresi Dolby True HD e DTS HD (i formati audio in alta definizione che si trovano nei Blu-ray disk), fino a 24 bit e 192 KHz. Al pari di NVIDIA, anche AMD sta sviluppando tecniche che permettano di utilizzare la potenza elaborativa delle proprie GPU per le operazioni di conversione dei flussi video in altri formati: al posto di dipendere dalla potenza elaborativa del processore montato nel proprio sistema è possibile sfruttare gli stream processors in parallelo, ottenendo significative riduzioni nei tempi di conversione dei filmati ad alta definizione.

Ciò che attira di più senz’altro è l’eventuale sfruttamento della tecnologia multi-Gpu Crossfire: i risultati che si ottengono mettendone “solo” due (ricordo che il massimo sarebbe 4) in parallelo sono mostruosi, e addirittura viene superata la 9800GX2, spendendo meno di 400 euro!!! Senza contare la possibilità di creare schede multi-GPU, della serie X2, che montano due processori sulla stessa scheda!

In attesa di visionare le nuove release di Nvidia, previste per settembre, posso dire che 4850 e la sorella maggiore 4870 sono le schede più interessanti sul mercato! Se avessi l’opportunità di sfruttarle (sfortunatamente dovrei cambiare tutto il pc per farlo, dato che è un pò vecchiotto), certamente mi rivolgerei verso ATI, in questo momento… anche se forse aspetterei settembre per vedere cosa combinerà la concorrenza. E’ certo che Nvidia avrà parecchi problemi a proporre una scheda competitiva sul mercato, non tanto per quanto riguarda le prestazioni, ma sopratutto riguardo al prezzo.

Qui sotto trovate una serie di tabelle e grafici che ho trovato su HwUpgrade: i test effettuati con Crysis (in very high, anche se risulta ingestibile da tutte le schede nella comparativa, dato il basso numero di fotogrammi al secondo generati) e Unreal Tournament 3 (sicuramente più valido), e sotto la tabella comparativa con tutte le caratteristiche della serie 4800 e delle altre schede presenti sul mercato. Per tutti gli altri test, vi rimando all’articolo del sito, disponibile a questo indirizzo. Se siete curiosi, date un’occhiata anche a questa recensione… da paura: ATI Radeon HD 4870 X2: R700 in preview

Modello GeForce
8800
GeForce
9800
GeForce
GTX
GeForce
GTX
Radeon
HD
Radeon
HD
Radeon
HD
Radeon
HD
Radeon
HD
Versione GT GTX 260 280 3850 3870 3870X2 4850 4870

GPU

G92 G92 GT200 GT200 RV670 RV670 R680 RV770 RV770

Processo produttivo (nm)

65 65 65 65 55 55 55 55 55

Stream processor

112 128 192 240 320 320 2×320 800 800

Clock   stream processor (MHz)

1.500 1.688 1.242 1.296 670 775 825 625 750

Clock chip (MHz)

600 675 576 602 670 775 825 625 750

Numero di ROPs/ render back-ends

16 16 28 32 16 16 2×16 16 16

Texture filtering    unit

56 64 64 80 16 16 2×16 40 40

Bus di memoria    (in bit)

256 256 448 512 256 256 2×256 256 256

Dotazione memoria in MB

512-256 512 896 1024 512 512 2×512 512 512

Clock memoria (GHz)

1,8 2,2 1,998 2,214 1,65 2,25 1,8 2 3,6

Banda memoria (GB/s)

57,6 79,4 112 141,7 52,8 72 2×57,6 64 115,2
Video processing engine VP2 VP2 VP2 VP2 UVD UVD UVD UVD2 UVD2
Annunci




Le promesse di Crysis Warhead

27 06 2008

Crytek rilascia alcune informazioni sulla prima espansione indipendente di Crysis. Secondo questa, il gameplay sarà molto più movimentato e frenetico del primo, tant’è che la trama avrà un ritmo più sostenuto, eliminando molti dei classici momenti morti. Ma sicuramente la dichiarazione che interessa di più è quella relativa alla grafica: imparando dagli errori compiuti con il primo Crysis, Crytek ha saggiamente deciso di ottimizzare il suo spettacolare CryENGINE 2, cosicchè sia ampiamente godibile alla massima risoluzione e con effetti grafici a palla anche su sistemi operativi Windows XP e schede DX9 (anche se, con alcuni artifizi, è già possibile giocare a Crysis su XP con qualità Very High), in modo tale da non essere costretti a passare a Vista. Non c’è che dire, una saggia decisione!

Altre informazioni riguardano il protagonista di Crysis Warhead, il Sergente Sykes, conosciuto anche come Psycho, un personaggio più spavaldo e aggressivo di Nomad, nostro alter ego nel primo capitolo. Il gioco single player durerà circa 10 ore. Crytek curerà anche il multiplayer, integrando nuove modalità, focalizzate soprattutto per il gioco a squadre.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us Free Image Hosting at www.ImageShack.us Free Image Hosting at www.ImageShack.us





Crysis Warhead: secondo capitolo di Crysis… o altro?

23 05 2008

Dopo un bel pò di pausa post-laurea (mi ci voleva proprio 😀 ), Crysisricomincio a scrivere qualche post sul blog. La domanda che mi pongo oggi è: Crysis Warhead: cos’è? Non si sa di preciso: è questo che la rete si chiede, dopo che la Crytech ha annunciato la sua uscita per il 19 settembre di quest’anno. E’ ipotizzabile pensare che si tratti del possibile secondo capitolo della trilogia annunciata da Cevat Yerli alla fine di novembre, ma il ventaglio delle possibilità potrebbe anche spaziare alla versione console di Crysis oppure ad un altro genere di gioco, che riprende la storia narrata dall’FPS.

Spero che escano presto nuove news!

Crysis





Controller Wii su pc? Si può fare, e funziona!

4 05 2008

Si può usare il controller Wii su pc? A quanto pare si, e funziona pure! Alcuni programmatori hanno Wiimotepensato di creare dei driver per farlo funzionare su vari sistemi operativi, e con successo (come potete vedere dai video che sono riuscito a trovare su youtube, disponibili in fondo all’articolo). Il controller può essere usato al posto del mouse, purchè si abbia a disposizione una connessione bluetooth.

Ce ne sono disponibili molti altri a questo indirizzo: http://www.wiili.org/index.php/Downloads.

Sembra che funzioni così bene che alcune persone hanno creato anche un Mod per Crysis, Wiisis, che permette di gestire senza troppi problemi i movimenti del soldato Nomad. In particolare, il soldato:

  • salterà e si accovaccerà in base all’altezza della periferica;
  • colpirà gli avversari da vicino nel momento in cui verrà mimato l’affondo di un pugno;Wisis

C’è da precisare che comunque mouse e tastiera sono indispensabili per finire il gioco, ma senz’altro è una curiosità tecnologica interessante. E’ anche vero che, nel normale utilizzo desktop, la periferica funziona bene! Considerando il costo di un controller Wii, che si riesce a trovare a 34.90 da Mediaworld, e di una chiavetta bluetooth USB (dai 15 ai 20 euro circa), direi che è una curiosità che in parecchi potranno togliersi! Personalmente sono molto tentato… magari appena avrò un attimo di tempo, ci lavorerò sopra, e vedremo i risultati! 😀

Wii Remote on Windows (desktop use)

Wiimote Stuff: Wiimote on Windows

Wiimote Stuff: Wiimote on Ubuntu Linux

Wiimote Stuff: Windows Mouse and Jedi Academy

Wisis





StreamMyGames: gioca ai tuoi videogiochi sfruttando altri pc o la PS3!!!

15 01 2008
Immaginate che vi abbiano regalato un bellissimo gioco per pc, es. Crysis… ma il vostro pc non è in grado di farlo funzionare.StremMyGames Non avete un computer aggiornato, e rosicate tantissimo perchè Crysis non esiste per PS3, che voi avete sotto il televisore! Che spreco! Ah, se fosse possibile far eseguire un gioco da una macchina diversa da quella in cui il gioco + in esecuzione….
Proprio partendo da un’idea del genere, è nato il progetto StreamMyGames. Attraverso una tecnologia che è stata battezzata Game Streaming, è possibile giocare con sistemi XP, Vista, Linux, PlayStation 3 mentre il software in realtà è in esecuzione su un altro PC: in pratica, è possibile giocare ad un videogames installato in un altro PC in casa, trasmettere i propri giochi in modo che chiunque in rete possa vederli e condividerli con tutti i membri che usano StreamMyGames. Il tutto avviene attraverso un piccolo programmino di 3 MB, chiamato Streamer:
  • si scarica il piccolo plugin dal sito;
  • i giocatori possono inserire in una lista i giochi che intendono condividere;
  • nel momento in cui coincide un software condiviso con un gioco richiesto da un utente viene stabilita una connessione tra i due.
Il plugin converte audio e video del gioco in un flusso Game Stream. Quest’ultimo può essere trasferito tramite rete ad un computer remoto. Processo inverso subiscono i comandi da tastiera realizzati dal sistema remoto, visto che vengono trasferiti da quest’ultimo al PC in cui è in esecuzione il gioco: così è possibile giocare da remoto sfruttando l’hardware del computer server.
StreamMyWorks - How it works 1
Ma la cosa non finisce qui: StreamMyGames è anche una comunità online! Una volta effettuata la registrazione sul sito, per scaricare il software, tutti possono condividere i propri giochi listandoli sul sito: questo crea un link Game Stream. Se si seleziona questo link, una connessione sicura e autenticata con crittografia si stabilisce tra il membro della comunità con il gioco e il membro che ci vuole giocare. Il sito fa partire il gioco e usa Streamer per “intercettare” il video e l’audio del gioco, convertendoli in un Game Stream. Quest’ultimo può essere registrato in un file, trasmesso ad una TV o in una rete domestica e potrà essere spedito su internet e giocato su un computer remoto. Ciò che viene digitato sulla tastiera del computer remoto viene decriptato dal programma, catturati e trasmessi sul web e usati per giocare al videogame.
StreamMyWorks - How it works 2
Già sento la domanda: e le prestazioni? Al momento ancora non si sa nulla: sul sito ufficiale si legge che si può giocare tranquillamente sul computer remoto senza lag e senza aver installato il gioco su disco rigido. Intanto, però, ci sono già parecchi giochi che sono supportati: Age of Empires III, Call of Duty 4, 2142 Battlefield, Bioshock, Crysis, Doom 3, Fifa 2007, Half Life 2, Guild Wars ecc. (l’elenco completo è qui). I requisiti di sistema sono:

System Requirement
Requisiti di sistema
Per ora i test sono stati effettuati solo su sistemi Windows a 32 bit, quelli su 64 bit saranno effettuati in futuro.
La cosa bella è che la tecnologia è molto flessibile e consente di inviare flussi da pc anche ad altri apparecchi: telefonini, media center, lettori dvd e altri ancora. Ma sicuramente ciò che intriga di più è la possibilità di trasferire flussi a console: per esempio, ritornando alla domanda iniziale, StreamMyGame consente di giocare qualsiasi gioco PC su PlayStation 3 attraverso la piattaforma Linux che è in grado di eseguire la console di Sony. Come potete vedere dal primo video sottostante, il test è stato eseguito con Crysis, e sembra funzionare! Certo, ci sono delle bande nere intorno, ma il risultato è comunque notevole! Tenete però in considerazione che l’hardware grafico della PS3 è DirectX 9, per cui Crysis (così come qualsiasi gioco simile) non girerà con tutte le features di DirectX 1o!
Ma le sorprese non sono ancora finite! Streamer può essere utilizzato non solo con videogiochi, ma anche con qualsiasi applicazione che usa DirectX e OpenGL: apparecchiature scientifiche, mediche, multimediali, e chi più ne ha più ne metta! Per qualsiasi altra informazione, date un’occhiata qui.
Streamer esiste in 3 versioni: si parte da quella gratuita, abbastanza limitata, passando per la premium fino ad arrivare alla versione unlimited, entrambe con costi variabili a seconda che si usi il programma per 1, 2 o 3 anni. Per i dettagli, cliccate sull’immagine sottostante, e saprete tutto!
Costi
Costi
Che dire? L’idea è senz’altro innovativa, e sicuramente molto molto interessante. Sfortunatamente ancora non esistono test, quindi non si sa come funzioni il programma. Non vedo l’ora di leggerne qualcuno! Intanto ci possiamo godere qualche video, disponibile sul channel video di YouTube appositamente creato dai realizzatori del programma (ad oggi, ce ne sono 7 in totale). Qui sotto ve ne propongo un paio, che sicuramente sono i più interessanti! Mi chiedo come, tuttavia, le software house produttrici di videogiochi vedono questo programma: da come ho capito, è possibile avviare giochi anche senza averli materialmente sul pc, dato il sistema di condivisione della community… L’unica cosa che mi dispiace, e che a quanto pare non è possibile far girare giochi da console sul pc… peccato, perchè altrimenti sarebbe stato un prodotto veramente completo. Ma chissà, in futuro magari…
StreamMyGame Windows PC to PS3 Tutorial (Crysis su PS3!)
StreamMyGame Broadcast at LAN parties Tutorial




Qual’è la migliore scheda video DX10 per Crysis?

17 12 2007

Bella domanda, eh? Data la sua innegabile qualità grafica, Crysis rappresenta un benchmark perfetto per testare Crysisle capacità prestazionali delle schede grafiche, sia di oggi che di domani. A questa domanda cerca di rispondere Tom’s Hardware, che in questo articolo cerca di mettere sotto torchio le GPU che sopportano le DirectX 10, di tutte le fasce di prezzo presenti sul mercato, uscite nel corso del 2007. Le schede in questione che sono state testate sono:

 

  • GeForce 8800 Ultra (768 MB);
  • GeForce 8800 GTX (768 MB);
  • GeForce 8800 GT (512 MB);
  • GeForce 8800 GTS (320 MB);
  • GeForce 8600 GTS (512 MB);
  • ATI 2900 XT (512 MB);
  • ATI 2600 XT (512 MB).

Ovviamente, i test sono stati eseguiti solo con Windows Vista, l’unico sistema operativo a sopportare le nuove DX10 (che rimarranno nuove ancora per poco). Il menù di Crysis offre quattro impostazioni standard differenti, chiamate Low, Medium, Hight e Very High. I test sono stati effettuati per ciascuna impostazione, in modo da soddisfare quasi tutte le esigenze:

 

  • 1024×768 e 1280×1024 – Schermi standard da 17″ e 19″ non Widescreen;
  • 1680×1050 – Schermi da 20-22″ Widescreen;
  • 1920×1200 – Schermi da almeno 24″

e con Anti Aliasing e Filtro Anitroscopico attivato o disattivato. I test senz’altro aiuteranno tutti coloro che devono procedere ad un upgrade in questi giorni, magari approfittando delle feste natalizie. In ogni caso, preannuncio che, comeCrysis conclusione, Crysis ha dimostrato quanta potenza 3D richiederanno i giochi di prossima generazione. Nemmeno una tra le schede prese in esame è stata capace di raggiungere la risoluzione Full-HD di 1920×1200 a dettagli massimi (cosa che comunque riguarda ben poche persone che hanno monitor sufficientemente grandi da reggere questa risoluzione bestiale), un pò come fece Oblivion quando uscì l’anno scorso, mettendo in crisi le schede video di allora. E come succede per Oblivion ora, che si comporta alla grande con tutte le schede di oggi, si può dire che anche per Crysis saranno le GPU di prossima generazione a far girare fluidamente questo fantastico gioco. Il mio consiglio personale, se qualcuno desidera fare un upgrade ora, è senz’altro aspettare. Se poi è tutto il pc che deve essere cambiato, allora senz’altro bisogna aspettare! Il 2008 sarà un altro anno denso di novità, in particolare per CPU, Ram e schede madri. Cerchiamo di trattenerci!!!

 

Crysis





Crysis sarà una trilogia!!!

22 11 2007

Crysis è disponibile già da venerdì scorso, e data la sua qualità (non solo dal punto di vista tecnologico) è già riuscito a Cevat Yerliracimolare recensioni ampiamente positive, come è ovvio che sia! Ma la cosa che sta cominciando a stupire i fan del fantastico gioco di Crytech è la dichiarazione di Cevat Yerli, fatta proprio in questi giorni: il CEO di Crytek rivela adesso le intenzioni della sua software house a proposito del futuro di Crysis. Eh già, si parla proprio di futuro, dato che a quanto pare lo sparatutto con CryEngine 2 sarà solamente il primo episodio di una trilogia. “Il gioco è pensato per essere una trilogia. Dunque ci saranno altri due episodi. La fine di Crysis è stata pensata in questo modo proprio perché si tratta semplicemente del primo episodio. Non risponderò ad altre domande perché voglio che ci siano delle sorprese“. Non vediamo l’ora di sapere altre succose novità… speriamo che non ci facciano aspettare troppo!!!!

Crysis